La felicità è dentro di noi

La felicità è dentro di noi

SCARICA SUBITO GRATIS UN AUDIO ESCLUSIVO DI CRESCITA PERSONALE E 5 POESIE MOTIVAZIONALI!

SCOPRI RADIO AREA51 PUBLISHING: LA PRIMA RADIO INTERAMENTE DEDICATA ALLA TUA CRESCITA PERSONALE

LA VIA DELLA FELICITÀ SPIRITUALE

Autore del post: Mike Allen

Libertà, autorealizzazione, pieno benessere, gioia di vivere con se stessi e con gli altri. Sappiamo, sentiamo, che la felicità non ci potrà mai venire data da qualcosa che è fuori di noi, da qualche oggetto materiale, da qualche successo personale, da qualche avventura sessuale, da qualche vacanza. Tutte queste cose possono darci momenti di piacere, di benessere, perfino di gioia e di pace, ma non potranno mai realizzare quella che meravigliosamente i buddisti chiamano “la stabilità del cuore”. Quel senso di benessere completo, di appagamento compiuto che fa da sfondo, o base, a ogni evento della nostra vita, positivo o negativo che sia.
Sappiamo che questa condizione è uno stato mentale, e che possiamo raggiungerlo soltanto nel nostro mondo interiore, dando spazio a quel qualcosache dentro di noi ci spinge a raggiungere le nostre aspirazioni più elevate.
Nel nostro tempo così disincantato e cinico come una puntata di House of Cardso uno show Disney, “La felicità è dentro di noi” è relegata al ruolo sfortunato di “luogo comune”, “facile formuletta”, “politicamente corretto” o “perla di saggezza”. E così, una delle verità fondamentali della nostra esistenza ci scivola via dalle dita e invece di seguire la strada ben tracciata della nostra felicità, la strada che ci conduce dentro di noi, ci smarriamo, seguendo i richiami delle sirene del disincanto, nei deserti dell’aridità edonista e consumista, del cinismo sprezzante, dell’euforia artificiale. E puntualmente, inevitabilmente, ci ritroviamo, alla fine, in “una selva oscura dove la diritta via era smarrita”.
Perché la felicità è realmente, solamente dentro di noi, e trovarla, questa felicità, e darle spazio, e farla vivere in noi è forse la cosa più difficile, perché significa andare controtutti i veri luoghi comuni, le facili formulette, la stupidità del politicamente scorretto oggi imperante, e le perle di cinismo e ignoranza che ci vengono propinate da ogni angolo di strada, reale o virtuale.
La felicità è una struttura mentale, anzi è una infrastruttura mentale: esattamente come le strade, le reti elettriche e idriche, le reti di trasporti e di comunicazione sono le infrastrutture di una città, e se funzionano quelle tutto funziona al meglio e ogni problema può essere risolto, mentre se non funzionano niente funziona e anche il più piccolo problema genera disastri, così l’infrastruttura mentale della felicità ci permette di risolvere tutti i problemi che appaiono nella nostra mente e nella nostra vita, mentre l’infrastruttura dell’infelicità, che è la principale infrastruttura del nostro tempo, fa sì che anche i più piccoli problemi ed eventi negativi siano vissuti come una catastrofe.
E naturalmente l’infrastruttura mentale della felicità non può che attingere alle risorse interiori spirituali, al nostro spiritual empowerement.

ESTERIORITÀ E INTERIORITÀ

La spiritualità può essere associata alle religioni – dalla prospettiva della spiritualità le religioni possono essere interpretate come manifestazioni della spiritualità –, ma non può risolversi in esse. La spiritualità non si risolve – e lo sviluppo spirituale non si attiva – con cerimonie, riti, atteggiamenti esteriori. La spiritualità si trova – e lo sviluppo spirituale si attiva – esclusivamente nello spazio interiore.
Come scrive il grande psicologo transpersonale Stanislav Grof, tutte le persone, di ogni provenienza – laica, credente o agnostica, scientifica, umanistica, religiosa –, tutte le persone che sentono la spinta a dar voce e vita alla propria energia spirituale, che sentono il bisogno di realizzare le proprie aspirazioni più profonde ed elevate vengono illuminate in modo autonomo, ognuna per proprio conto, dall’intuizione che l’umanità si trova oggi di fronte a un grave dilemma, paragonabile in tutto e per tutto a quello relativo al processo di trasformazione individuale. Le alternative sono o continuare nell’attuale tendenza all’esteriorizzazione, alla ricerca materialista, alla manipolazione esterna del mondo, oppure rivolgersi verso l’interno e sottoporsi a un processo di trasformazione radicale tendente a un livello del tutto nuovo di coscienza e consapevolezza. L’esito finale della prima strategia non è difficile da prevedere: è la morte per una guerra atomica o per le scorie tecnologiche; l’esito della seconda potrebbe produrre le prospettive evolutive descritte nelle opere dei grandi autori mistici e spirituali: lo sviluppo di una civiltà molto più evoluta di quella attuale, una civiltà solidale, ecologia, olistica, rispettosa di tutte le forme di vita e soprattutto una civiltà che ha acquisito la piena coscienza che tutto è uno, e che tutti gli individui sono interconnessi tra di loro, al livello più elevato dell’esistenza umana, il livello spirituale.
Lo sviluppo del potere spirituale, lo spiritual empowerment, diventa così il motore che dalla trasformazione individuale conduce inevitabilmente alla trasformazione planetaria, e contribuisce a condurre la coscienza globale sul piano della coscienza cosmica, la coscienza della natura stessa – spirituale – dell’universo.

ULTIMI POST PUBBLICATI

NON INVIDIARE NESSUNO
CAMBIARE SE STESSI PER CAMBIARE IL MONDO
. IL POTERE NASCOSTO
LA DIFFERENZA TRA CREDERE E AVERE FEDE
HO'OPONOPONO. TUTTI POSSIAMO CAMBIARE
. IL PROTOTIPO SPIRITUALE (SECONDA PARTE)
. IL PROTOTIPO SPIRITUALE (PRIMA PARTE)
. LIBERATI DALL'ATTACCAMENTO


LA VIA DELLA FELICITÀ SPIRITUALE


SCARICA SUBITO GRATIS UN AUDIO ESCLUSIVO DI CRESCITA PERSONALE E 5 POESIE MOTIVAZIONALI!

SCOPRI RADIO AREA51 PUBLISHING: LA PRIMA RADIO INTERAMENTE DEDICATA ALLA TUA CRESCITA PERSONALE